MI VOLEVA LA JUVE

Giovedì 22 novembre 2018 – ore 21.00

con Giuseppe Scordio
testo e regia  Gianfelice Facchetti
scene e costumi Vittoria Papaleo
disegno luci Matteo Cavenaghi
produzione Spazio Tertulliano

 

ospite d’onore Gianfelice Facchetti, figlio del grande Giacinto, attore, autore, regista teatrale e giornalista sportivo.

  • Demo Image
  • Demo Image
  • Demo Image

Il calcio come metafora della vita. La vita come metafora del palcoscenico. Un pallone che ruota come il mondo e troppo spesso il mondo preso a calci come un pallone. Un emozionante e disarmante racconto autobiografico: Giuseppe Scordio racconta la sua storia, la sua giovinezza segnata dal calcio e dalla corsa alla serie A all’incontro con Giulio Bosetti e il teatro.

“Mi voleva la Juve” è la storia vera di un bambino, Giuseppe, cresciuto allo Stadera, un quartiere di periferia nella Milano degli anni ’70. Da una parte una famiglia numerosa, in cui il bambino prova a ritagliarsi il proprio posto; dall’altra la strada, una specie di “west” in cui si è costretti a scegliere in fretta da che parte stare.  Unica via di fuga: il campetto di calcio del quartiere, una piccola landa dove far correre i sogni insieme ad altri bambini, fino a cadere con la faccia nella polvere.

Orari biglietteria:
Dal 3 settembre
Lunedì, Mercoledì, Venerdì
dalle 17 alle 19

tel. 0292278742
biglietteria@teatrotrivulzio.it

E' possibile acquistare anche i biglietti on-line
grazie al servizio

http://www6.anyticket.it/Anyticket/Web/SelezioneAbbonamento.aspx?partner=TRIV